Calciatore

Massimo Carrera nasce il 22 aprile del 1964 a Pozzuolo Martesana (MI).
Cresce a Sesto San Giovanni insieme a mamma Francesca, a papà Carlo e alle due sorelle Claudia e Tiziana.
Sin da bambino Massimo ha un’unica passione: il pallone.

L’inizio: dalla Pro-Sesto al Bari

Cresciuto nelle giovanili della Pro - Sesto, Massimo esordisce con la stessa maglia nel calcio professionistico durante la stagione 1982 - 83 e inizia a mettersi in mostra.
Nel 1984, dopo un anno al Russi, in Interregionale, viene ingaggiato dall’Alessandria allora in Serie C2 dove vi rimarrà un anno prima di approdare in Serie B.

Nel 1985 esordisce in Serie B con il Pescara di Enrico Catuzzi. Qui giocherà con un altro personaggio importante per il calcio italiano: Gian Piero Gasperini.
Il 18 maggio 1986 segna il suo primo goal in Serie B contro la Lazio.
Nel 1986 si afferma a Bari dove vi rimarrà per cinque stagioni, collezionando 156 presenze e 4 reti. Un Bari caratterizzato da grinta e tecnica racconta Massimo:

C'erano giocatori come Di Gennaro, Scarafoni, Monelli, João Paolo. E poi molti baresi, giocatori cresciuti nel vivaio del Bari e arrivati poi in prima squadra. Sono stati cinque anni molto belli. Abbiamo spesso giocato al di sopra delle nostre possibilità per portare a casa buoni piazzamenti. Dopo il primo posto in B nel 1988-89, anche in A siamo riusciti a fare bene Massimo Carrera, intervista per Hurrà Juventus, dicembre 2009

Alla Juventus

Durante l’esperienza pugliese Massimo riesce a farsi conoscere e notare al punto che nella stagione 1991-92 viene ingaggiato dalla Juventus.
Così Massimo, juventino dalla nascita, riesce a realizzare il suo sogno nel cassetto:

Sin dai primi calci che tiri sogni di diventare professionista e di indossare quella maglia. Un sogno difficile da realizzare, ma proprio per questa ragione, ancora più emozionante quando si avvera Massimo Carrera, intervista per Hurrà Juventus, dicembre 2009

Durante la prima stagione in bianco e nero Massimo è allenato da Giovanni Trapattoni:

Grandissimo allenatore e grandissimo uomo. Aveva una passione incredibile che sapeva trasmettere a tutti, in particolare ai giovani. Finiti gli allenamenti spesso rimaneva lì per spiegarti alcuni movimenti, per migliorarti tecnicamente, negli stop, nei tiri. Un personaggio veramente carismatico. Massimo Carrera, intervista per Hurrà Juventus, dicembre 2009

Dal “Trap” viene schierato come terzino destro (ruolo che ricopriva anche nel Bari), ma dimostra una grande versatilità.
La sue prestazioni in bianco nero convincono anche Arrigo Sacchi, il quale lo convoca in Nazionale per una partita amichevole contro il San Marino nel febbraio del 1992.
Al termine della stagione seguente solleva il primo trofeo internazionale, la Coppa UEFA.

Nel 1994 arriva alla guida della Juventus Marcello Lippi.
Massimo viene schierato come libero, e diventa un pilastro della squadra, secondo Lippi “un vero fuoriclasse”.
A fine stagione conquista Scudetto e Coppa Italia a cui si aggiungono una Champions League ed una Super Coppa Italiana.
Lascia il Club bianco-nero nell’estate del 1996 collezionando:

Atalanta

Viene ceduto all’Atalanta nell’estate del 1996 dove diventa subito capitano e leader della squadra bergamasca, in cui vi rimane per 7 stagioni sommando 207 gare e 3 reti.

Sono arrivato a Bergamo che avevo già 32 anni, ma nonostante questo ho imparato ancora tantissimo, soprattutto grazie a due allenatori: Mondonico e Vavassori Massimo Carrera, intervista per Hurrà Juventus, dicembre 2009

A Bergamo diviene una bandiera proprio per la grinta dimostrata in ogni partita, al punto che gli venne dedicata una canzone: “Super Massimo Carrera”, scritta dal cantautore atalantino “Il Bepi” sulla melodia di “Maledetta Primavera” di Loretta Goggi.

La conclusione della carriera da calciatore

Lascia l'Atalanta nel 2003 acquistato dal Napoli, e la stagione successiva passa al Treviso. Nella cittadina veneta rimane solo una stagione ed il 28 ottobre 2005, a quarantuno anni, firma con la Pro Vercelli.

Lascia il calcio giocato a 44 anni, al termine della stagione 2007-2008, collezionando in totale 773 gare, giocate praticamente tutte da professionista, 20 goal e 5 trofei (di cui 2 internazionali).